Home
Home

  CULTURA E STORIA




  mar.  26.05.2020 
COSTUMI E TRADIZIONI






 

Il dialetto

Festa dei "Lumineri"

Gurro:
origini scozzesi

Santuario della
SS. Pietà di Cannobio

Chiesa di S. Materno

Museo di Gurro

"Linea Cadorna"

Gli spazzacamini

I boscaioli

 


IL DIALETTO

  I dialetti della Val Cannobina appartengono al gruppo dei dialetti lombardi alpini occidentali e cioè, grosso modo, al gruppo dei dialetti delle valli alpine della provincia di Novara, massime quelle del bacino del Toce e della sponda occidentale superiore del Lago Maggiore, comprese, oltre il confine politico, le valli del Sopraceneri ticinese occidentale.

Questi dialetti furono primamente studiati e descritti da uno dei padri della dialettologia lombarda, Carlo Salvioni, specie nei saggi “Dialetti dell’Alta Italia”, in Kritischer Jahresbericht, (1890), p. 120-132, “La risoluzione palatina di k e g nelle Alpi lombarde”, in Studi di filologia romanza 1 (1908), p. 1-33, “Saggi intorno ai dialetti di alcune vallate all’estremità settentrionale del Lago Maggiore”, in Archivio glottologico italiano 9 (1886), p. 188-260




 


 








Comunità montana Valle Cannobina Cavaglio Spoccia, Fraz. LUNECCO 0323.77388